Viaggi

La magia di un Inverno a Parigi!

Che Parigi fosse una delle città più belle del mondo siamo in tanti a pensarlo, che sia la mia città europea preferita forse in pochi (ma buoni), che uno dei miei sogni di viaggio fosse di tornarci sotto Natale era una cosa che custodivo nel cassetto.

Ecco quindi che con la scusa di regalare a mia sorella per la laurea un viaggio a Disneyland Paris (di cui parlerò in un altro post), ho potuto esaudire questo mio desiderio lo scorso Dicembre.

Ma com’è Parigi d’inverno? Ecco quattro cose da tener conto prima di decidere se visitare questa capitale nei mesi più freddi.

1 – E’ FREDDO

Sì, è OGGETTIVAMENTE freddo! Fatevene una ragione. Anche se sperate nelle belle giornate di sole, è un sole che non supera mai i 10 gradi, sopratutto dopo le 17,00. Chiaramente questa cosa, unita al buio che sale prima rispetto all’estate, fa si che il tempo a disposizione per girare si riduca parecchio! Ottimizzate bene i tempi, quindi, e organizzate bene la valigia e le cose da portare, sopratutto se volate con le low cost e con le loro restrizioni sui bagagli a mano.

2 – LE DECORAZIONI NATALIZIE

Preparatevi a vivere una città che è esattamente come la sognate! Parigi sotto Natale (n.b. mi riferisco al mese di Dicembre, il resto dell’inverno ovviamente questa voce non la prendete in considerazione) è magica e luminosa!! Le vie sono piene di decorazioni e luci, i luoghi di interesse ugualmente pieni di ghirlande natalizie, i negozi e le piccole botteghe del centro ricordano proprio le copertine delle riviste, in ogni piazza svetta un albero di Natale, ma sopratutto, il must che non potete proprio perdervi, sopratutto se siete una Instagram addicted, è il mega albero sospeso dentro le Galeries La Fayette!!

3 – IL TEMPO LONDINESE

Ogni tanto vi capiterà di guardarvi intorno e chiedervi: ma in quale città sono capitata? Sono a Parigi o Londra? Sì, perchè il paesaggio e il clima che vi accoglierà sarà umido e nebbioso, pieno di foschia che spesso salirà e vi impedirà di vedere il paesaggio in tutta la sua maestosità. Scordatevi i punti panoramici. La stessa Tour Eiffel e il Sacro Cuore erano avvolti dalla nebbia nonostante mi trovassi ai loro piedi. Non che questo sia un fattore negativo, anzi…credo abbia il suo forte fascino.

4 – “POCHI” TURISTI e quindi POCHE FILE

Ultimo ma non per importanza aspetto: la capitale francese nei periodi più freddi dell’anno, nonostante il fascino del Natale, non è particolarmente attraente per i turisti e i numeri calano drasticamente. Questo significa che per ogni attrazione turistica le file si riducono notevolmente. La dimostrazione l’ho avuta proprio davanti al Louvre, nel quale a differenza della mia scorsa visita, la fila per l’entrata era pressoché nulla. Consiglio quindi vivamente, nel caso decidiate di andare nei mesi più freddi, di approfittare di visitare i musei, riparandovi così anche dal freddo pungente. In particolare, oltre al Louvre, una chicca davvero interessante è il Museo Grevin, che in fondo ricorda una versione francese del più noto Madame Tussaud: un’esposizione di statue di cera che richiamano ai grandi vip francesi e internazionali.

Ecco le mie quattro raccomandazioni prima della partenza.

E voi ci siete già stati nei mesi più freddi? Se avete altri consigli scriveteli pure nei commenti!

Al prossimo post!!